he0.jpghe6e.jpg he2a.jpg he3.jpg he4.jpghe1.jpg

GRACIOUS!


Le misconosciute band di progessive #7

 

Premessa

Il Dr. Livingstone continua incessante la sua opera di esplorazione dei lontani territori del progressive. Ma quando si tratta di documentare tali scoperte gli viene il crampo dello scrivano o le sue api reclamano improrogabili lavori. Non mi resta quindi che calarmi nei panni del solerte narratore e, con piacere, raccontarne.

Gracious-800x360.jpg

Note biografiche

La vicenda inizia nel 1965, quando a Esher, nel Surrey, il chitarrista Alan Cowderoy e il cantante / batterista Paul Davis si unirono per eseguire cover di canzoni pop ai concerti scolastici. Giusto perché frequentavano una scuola cattolica adottarono il nome "Satan's Disciples" (poi abbreviato in The Disciples). Negli anni successivi si aggiunsero Mark Laird al basso (sostituito nel 1969 da Tim Wheatley) Martin Kitcat alle tastiere e il batterista Robert Lipson. Ribattezzata Gracious (o Gracious!), su insistenza del del manager David Booth, la band fece un tour nel 1968 con gli Who. L’interesse suscitato portò alla registrazione di un concept album sulle stagioni dell'anno, anche se questo rimase inedito. L’unica traccia di questo periodo è il singolo della Polydor "Beautiful" (b/n "Oh What a Lovely Rain"). L’aver suonato due volte nel luglio 1969 con i King Crimson appena formati al Mistrale Club di Beckenham influenzò moltissimo Kitcat che adottò immediatamente il Mellotron come strumento principale per la band, suonandolo come strumento solista, proprio come un organo blues, cioè con note singole percussive, piuttosto che gli accordi grandiosi preferiti dalle band che lo usavano come sfondo finto orchestrale. 


Discografia

Il loro primo album “Gracious !” fu pubblicato dalla Vertigo nel 1970.

Lo scarsissimo successo portò nel 1971 all’uscita di Lipson e poi quella di Kitcat. Gli altri andarono in tournée in Germania, ma alla fine la band si sciolse.

Il secondo album, “This is ... Gracious!!”  fu pubblicato postumo dalla Philips nel 1971.

Da notare che la critica si divide sulle due opere. Mentre la prima viene giudicata un interessante esempio di prog per la seconda vi sono valutazioni opposte: c’è chi la considera un collage di materiale di scarto e chi invece un’opera di maggiore livello. Io propendo per questa seconda tesi.


GRACIOUS !

Gracious-1.jpg
Tracce
Crediti
A1 Introduction
Paul "Sandy" Davis: voce solista, chitarra a 12 corde, percussioni
A2 Heaven
Alan Cowderoy: chitarra, cori, percussioni
A3 Hell
Martin Kitcat: Mellotron, organo, Hohner pianet, pianoforte, cori
B1 Fugue In D-Minor
Tim Wheatley: basso, cori, percussioni
B2 The Dream
Robert Lipson: batteria

Da notare la copertina, attribuita a Teenburger Designs (Cressida , Quintessence ), l'azienda di Barney Bubbles. La parte interna interna raffigura una spogliarellista rosa gigante che striscia attraverso delle pareti di marmo.

gracious-3.jpg

Note critiche
Un album interessante nel suo complesso, anche se personalmente lo trovo discontinuo. Ad un valido lato A con una splendida “Introduction” si contrappone il lato B meno riuscito in quanto la musica tende a diventare priva di struttura o troppo lunga, con esperimenti, anche banali, in troppe direzioni. 


THIS IS...GRACIOUS !!
Gracious-4.jpg

Tracce
Crediti
A1 Supernova Paul Davis / voce, percussioni
(a) Arrival Of The Traveller Alan Cowderoy / chitarra, percussioni, voce
(b) Blood Red Sun Martin Kitcat / tastiere, Mellotron, percussioni, voce
(c) What's Come To Be Tim Wheatley / basso, percussioni, voce
(d) Say Goodbye To Love Robert Lipson / batteria, percussioni
(e) Prepare To Meet Thy Maker Artwork: Roger Dean
B1 C.B.S.
B2 Once On A Windy Day
B3 Blue Skies And Alibis
B4 Hold Me Down

Da notare la copertina dell’ormai affermato Roger Dean ma diversa dal suo solito stile.


Note critiche
Un notevole lavoro prog, dove il frequente gioco di Martin Kitcat sul mellotron si abbina alla chitarra elettrica. Le canzoni sono varie (blues, rock, classica, sinfonica), con sonorità molto piacevoli, rilassate, oserei dire romantiche. C’è molto Moody Blues e anche Pink Floyd. Probabilmente risente dell’essere uscito a band sciolta ma nel complesso è un album molto godibile.


Per Approfondire
xappb.jpg

en.wikipedia.org > Gracious !


Proposte di Ascolto
 

GR1R.jpg

Gracious ! (1970)

full Album

GR2R.jpg

This is...Gracious !! (1971) full Album

w.jpg

Gracious at the 1970 Isle of Wight Festival



Autore : Giorgio Gotti, 19/07/2022