he0r.jpghe6e.jpg he2a.jpg he3.jpg elenco link hen1.jpg he1.jpg

AFFINITY & LINDA HOYLE


Premessa

Dalla sua ultima spedizione nelle sconosciute lande del Prog il Dr.Livingston(e) Ŕ tornato con un ricchissimo bottino. Affinity, Arcadium, Khan, Delivery ed Egg. Troppa grazia Sant Antonio!

Alcune forti turbolenze da allerta rossa si sono abbattute sul sito e mi hanno distratto non consentendomi di espletare il mio umile ruolo di narratore delle scoperte del grande esploratore. Tornato finalmente il sereno eccomi al lavoro, partendo dagli Affinity.

Ma questa volta nella narrazione mi sono preso la licenza di aggiungerci del mio, la scoperta di un’altra piccola gemma, non del prog, ma ugualmente interessante. Ma ne parleremo di seguito.

 
AFFINITY

Biografia

Gli Affinity sono stati un gruppo jazz-rock inglese, attivo dalla metÓ del 1968 al gennaio 1972. La loro orgine risale al 1965 quando tre studenti di Scienze dell’UniversitÓ del Sussex a Brighton in Inghilterra formarono lo US Jazz Trio composto da Lynton Naiff (tasitere) Grant Serpell (batteria) e Nick Nicholas (contrabbasso). L’anno successivo Serpell fu sostituito da Mo Foster. Dopo l'universitÓ Naiff e Serpell, insieme a membri di altre band universitarie, formarono il gruppo pop Ice che, nonostante un discreto successo commerciale, si sciolse dopo un anno. a02.jpgContinuarono l’attivitÓ cercando un cantante e la scelta cadde su Linda Hoyle che era un’insegnate di inglese.

Nell’estate del 1968 avviarono la nuova band scegliendo come nome “Affinity” che derivava dal nome dell omonimo LP del 1961 del pianista jazz Oscar Peterson.

Il loro primo spettacolo londinese fu al Revolution Club di Bruton Place a Mayfair nel West End il 5 ottobre 1968. Seguirono molti concerti e la pubblicazione di un album dal titolo omonimo per l' etichetta Vertigo nel 1970. La critica li accolse con recensioni entusiastiche, ma come al solito, arriva il successo ed il giocattolo si rompe.  Mentre Naiff e Foster stavano componendo un secondo album, Linda Hoyle lasci˛ improvvisamente, dichiarandosi disgustata dallo show business.

Nonostante l’annuncio nel giugno 1971 della ricostruzione con i membri originali Jopp, Foster e Serpell pi¨ le nuove reclute Vivienne McAuliffe alla voce e l'ex organista dei Geno Washington Dave Watts (Naiff si era nito ai Toe Fat e poi pass˛ nei Killing Floor) tutto finý nel nulla. Storie viste molte altre volte, come il fatto che i gruppi vengono riscoperti dopo 50 anni producendo valanghe di CD von vecchie (ed inutili) registrazioni. Mah

Discografia

AFFINITY (1970)

af06.jpg

Elenco tracce

A1

I Am And So Are You

Arranged By [Brass] John Paul Jones

Written-By Alan Hull

B1

Three Sisters

Arranged By [Brass] Chris Hughes

Written-By Linda HoileLynton Naiff

A2

Night Flight

Written-By Linda HoileMike Jopp

B2

Coconut Grove

Written-By John SobastvaYanovsky (Lovin Sopoonful)

A3

I Wonder If I Care As Much

Arranged By [Strings] John Paul Jones

Written-By D. & P. Everley (Everly Brohters)

B3

All Along The Watchtower

Written-By Bob Dylan

A4

Mr. Joy

Written-By Annette Peacock

   

af07.jpg

Crediti

Linda Hoyle – Vocals

Mike Jopp - Electric Guitar, Acoustic Guitar, Twelve-String Guitar [

Lynton Naiff - Organ, Piano, Electric Piano, Harpsichord, Vibraphone 

Mo Foster - Electric Bass, Double Bass 

Grant Serpell - Drums, Percussion 

Una nota per la copertina con l’inconfondibile stile di Marcus Keef, nel periodo autore di molte copertine Verttigo.
Da notare anche il contributo di John Paul Jones.

Recensione

Personalmente non lo considero un album propriamente prog. La loro musica Ŕ una miscela di un blues-rock con influenze jazz, pop e folk, con un suono ricco di ottoni e l'organo Hammond onnipresente. Mi ricordano BrIan Auger & Julie Driscoll, ma per i suoi tempi Ŕ giusto definirlo prog.

Della track list solo due sono i brani composti dalla band. Tra le cover spicca la fantastica rilettura della Dylaniana All Along The Watchtower, lungo brano (11’40”) dove le notevoli capacitÓ strumentali dei musicisti emergono chiaramente, specialmente la splendida voce di Linda Hoyle ed il virtuosismo di Lynton Naiff.


Proposte di Ascolto (clic pic)

a01r.jpg   All Along The Watchtower
af0r.jpg   Affinity -  full Album

LINDA HOYLE

Biografia

lh.jpgSarÓ anche stata disgustata dallo show business, ma mi sembra strano, visto che questa straordinaria vocalist nel 1971 registra "Pieces Of Me" , uno dei dischi pi¨ rari del catalogo Vertigo.

Coadiuvata da John Marshall e Carl Jenkins dei Soft Machine e da Chris Spedding, allora con i Nucleus, dÓ alle stampe questo bel disco, variegato e originale che unisce blues, soul e  jazz ballads pianistiche. Su tutti i brani spicca la prima canzone,  Backlash Blues, la song di Nina Simone, dove Linda si produce in una performance da pelle d’oca, sostenuta dal solismo perfetto del chitarrista Chris Spedding. Da ascoltare assolutamente.

Ecco la mia piccola scoperta, quella di una cantante dalla grandiosa vocalitÓ con toni caldamente blues/soul ed una estensione vocale incredibile. Linda si Ŕ in seguito dedicata all'arteterapia ed ha pubblicato un nuovo album nel 2015.

Discografia

PIECES OF ME (1971)

h1.jpg
Elenco tracce
A1
Backlash Blues B1 Lonely Women
A2

Paper Tulips

B2 Hymn To Valerie Solanas
A3
Black Crow B3 The Ballad Of Marty Mole
A4 For My Darling B4 Journey's End
A5
Pieces Of Me B5 Morning For One
    B6 Barrel House Music

Crediti

- Karl Jenkins - Piano, Electric Piano, Oboe - Arranged By [Orchestra], Conductor

- Jeff Clyne - Bass, Electric Bass

- John Marshall - Drums, Percussion 

- Chris Spedding – guitar

- Colin Purbrook (B6) – Piano

Written-By – Jenkins (tracce: A2 to A5, B2 to B5), Laura Nyro (tracce: B1), Hoyle (tracce: A2 to A5, B2 to B5), Bailey (tracce: B6), Nina Simone (tracce: A1)


Proposte di Ascolto (clic pic)
 
h0r.jpg   Pieces of Me -  full Album
 


focus link alle altre storie del Focus #10 : Band con vocalist Femmine

Autore : Giorgio Gotti, 11/12/2022 - Archivio Discografico: Giovanni Grassi