he0.jpghe6e.jpg he2a.jpg he3.jpg he4.jpghe1.jpg
 
RUBRICHE > ANEDDOTI #2
Le sapevate che .... aneddoti e curiosità
a cura di Giorgio Gotti

Sesso, Droga e Rock&Roll. Frase fatta ma vera. I protagonisti della scena musicale, le cosiddette Rock Star vivono in un mondo tutto loro, totalmente avulso dal nostro, che della loro musica siamo i fruitori. Non è mia intenzione avventurarmi in disamine sociologiche, o esprimere giudizi. Gli aneddoti sugli eccessi con sesso e droga sono sterminati, perché di questo pare fatta la loro vita, musica a parte. Ma di questo lasciamo voce a chi si occupa di gossip. Al lettore chiedo quindi di pazientare se la rubrica non sarà spesso aggiornata. Trovare aneddoti simpatici su argomenti “normali” non è facile. Non è questione di moralismo ma di buon gusto.



prec.jpg

an072.jpgll generatore di Van de Graaff è un generatore elettrostatico in grado di accumulare una notevole quantità di carica elettrica in un conduttore, creando tra questo ed un elettrodo di riferimento, solitamente  messo a terra, una tensione altissima che può arrivare fino a milioni di volt. Per la sua relativa semplicità è comune nei laboratori di molte scuole, ma ha anche applicazioni pratiche come ad esempio in fisica nucleare.

an072-3.jpgSlowhand (mano lenta). Il soprannome con cui è noto Eric Clapton gli è stato attribuito dal produttore Giorgio Gomelsky. Non si riferisce al modo di suonare di Clapton ma ad un fatto tecnico. Quando a Clapton durante i concerti si rompeva una corda della chitarra  era solito sostituirla restando sul palco. Durante questa pausa il pubblico riempiva l'attesa con un applauso rallentato, appunto "slow hand"


















an069-4.jpg an070.jpg
an071a.jpg

Gli ZZ Top si sono formati nel 1969 a Houston e non hanno mai cambiato formazione :

Billy Gibbons voce e chitarra, Dusty Hill basso (scomparso nel 2021) e Frank Beard batteria. Loro marchio distintivo sono sempre state le lunghissime barbe di Gibson ed Hill. Tanto che nel 1984 la Gillette offrì loro un milione di dollari per rasarsi la barba per una pubblicità, ma l'offerta fu rifiutata. La nota curiosa è che l'unico membro della band a non portare regolarmente una lunga barba è il batterista il cui cognome, Beard, in inglese, vuol dire proprio barba.

Nel 1976 su richiesta di Billy Gibbons nasce la “Eliminator” una hot rod ricavata da una Ford Coupé a tre finestrini del 1933 con un motore Corvette, vivacemente pitturata con il logo del gruppo posto sui lati della carrozzeria. E’ apparsa per la prima volta sulla copertina dell’album Eliminator del 1983 ed è diventata un vero e proprio simbolo del gruppo, a partire dai primi video in cui compare e cioè Gimme All Your Lovin’, Sharp Dressed Man e Legs.


Jorma Kaukonen e Jack Casady, chitarrista e bassista dei Jefferson Airplane, parallelamente alla band crearono un side-project per dedicarsi al blues, loro grande amore. Una volta suonavano sul palco “Keep on truckin”, in cui un verso dice “What’s that fish smell, baby?” (cos’è questo odore di pesce, baby?). Uno spettatore in risposta urlò “Hot Tuna!” (tonno caldo) e lo presero come nome.

an68-1.jpg
an68-5.jpg
an68-3.jpg
an68-7.jpg
 
an68-2.jpg
an68-6.jpg
an68-4.jpg
an68-8.jpg
 
Le Mini speciali dei Fab Four. Alla fine del 1965 per celebrare il successo della band, il loro manager Brian Epstein decise di regalagli quattro Mini appositamente progettate dalla Harold Radford (Coachbuilders) Limited con sede a South Kensington, Londra.
 

GEORGE HARRISON
Mini De Ville GT, verniciata di nero e personalizzata con tetto apribile a tutta lunghezza, fendinebbia da rally sul cofano e fanali posteriori di un Maggiolino VW.Dopo il tour di The Magical Mistery, fu riverniciata con una pittura ispirata al libro "Tantra Art: Its Philosophy and Physics". >> vedi articolo


JOHN LENNON
Era una Radford Mini Cooper De Ville verniciata di nero con ruote e paraurti neri, anche i sedili erano dello stesso colore e i finestrini erano oscurati come poi fece con la sua Rolls-Royce.


PAUL MCCARTNEY
Una Morris Mini Cooper 1275 S del 1965 con svariate personalizzazioni: vernice Aston Martin California Sage Green Metallic, tetto apribile, interni in pelle nera, luci alogene (molto rare allora), fendinebbia integrati nella griglia e una funzione di illuminazione interna della mappa.


RINGO STARR
Progettata seguendo le sue particolari richieste, modificando la carrozzeria per dare più spazio per la sua batteria e il cruscotto è modellato in stile Rolls Royce. Le luci posteriori sono di un Maggiolino VW.












an66r.jpg an66c.jpg
an67d.jpg
Johnny Depp ha sempre affermato di essersi ispirato al’’amico Keith Richards per impersonare il pirata Jack Sparrow della saga “I Pirati dei Caraibi”. E così nel terzo e quarto capitolo c’è stato un breve cameo di Richards nel ruolo del Capitano Edward Teague, custode del Codice dei Pirati nonché padre di Jack. Dialogo della scena di tre minuti (molto pertinente)
Jack Sparrow: "Allora? Hai visto tutto, hai fatto tutto. E sei vivo. Qual'è il trucco, eh? Per sopravvivere?"
Edward Teague: "Guarda che l'importante non è vivere per sempre, Jackie. Il difficile è convivere con se stessi per sempre. "
Infine nel quinto capitolo c’è un altro cameo straordinario, ovvero Paul McCartney che impersona Jack Teaguezio di Sparrow.
3°cap: Ai confini del mondo (2007) 4°cap: Oltre i confini del mare(2011) 5°cap: La vendetta di Salazar(2017).

Keith Richards una vita sempre sopra le .. righe.
Nel 2002 morì ad ottantaquattro anni suo padre Bert.
Il devoto figlio Keith fece la cerimonia funebre a modo suo, pensando bene di portare con se per sempre un ricordo del genitore, come poi ha raccontato al magazine musicale britannico NME: "E' vero quel che si dice in giro, ho sniffato le ceneri di mio padre. Fu cremato e io non riuscii a resistere. Me lo pippai con un pizzico di coca. Mio padre non avrebbe avuto nulla da ridire. E' andato giù bene e io sono ancora vivo".











an063.jpg
an064b.jpg
an065.jpeg
I fratelli Gibb nacquero nell'Isola di Man, Barry nacque il 1/91946, con il nome completo di Barry Alan Crompton Gibb, mentre i gemelli Robin e Maurice il 22/12/1949, rispettivamente con i nomi completi di Robin Hugh Gibb e Maurice Ernest Gibb. Crebbero in un quartiere popolare di Manchester dove  Barry fu spesso al centro di episodi di vandalismo ricevendo anche una condanna con la condizionale. Nel 1958 emigrarono con i genitori nei pressi di Brisbane, in Australia. Qui si fecero conoscere attraverso "Radio Brisbane". Il cui deejay si chiamava Bill Gates (!!). Invece il loro autista si chiamava Bill Goode. Inizialmente pensarono di chiamare la loro band Brothers Gibb's, o Bros G., Alla fine decisero di usare le iniziali dei nomi  B. G.così ricorrenti.. Da questa contrazione acronima di B. G's, derivò Bee Gees.
Sir Lancelot Brown (vissuto nel XVIII Secolo) era un architetto paesaggista inglese considerato "il più grande giardiniere d'Inghilterra" per la fondamentale influenza che ha avuto nella nascita e la diffusione dei parchi detti “all’inglese”. E più comune _mente noto come Capability Brown >>>> in quanto diceva ai suoi clienti che la loro proprietà aveva "capacità" di miglioramento
Quando si dice “al posto giusto nel momento giusto". Paul Cole, un perfetto sconosciuto, si è ritrovato sulla famosa copertina di Abbey Road assolutamente per caso. Questo turista americano stava passeggiando lungo Abbey Road mentre un uomo scattava una foto a quattro persone su un passaggio pedonale: i Beatles!


>> vedi articolo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
an060.jpg an062a.jpg an061b.jpg

Pete Sinfield, paroliere della band, disse: “Il nome della band è mio. Volevo un nome che esprimesse potenza, qualcosa di migliore rispetto Giles, Giles & Fripp. KING CRIMSON aveva l’arroganza giusta!”. Il nome, comunque, è considerato un sinonimo di Belzebù ed è la forma anglicizzata del nome arabo “B’il Sabab”, ossia “L’uomo con uno scopo”. Nel “Paradiso Perduto” di Milton, Belzebù viene descritto come una figura vestita di rosso cremisi.

L’insegnate di ginnastica della scuola frequentata da Bob Burns e Gary Rossington (chitarrista e batterista della band) si chiamava Leonard Skinner. Per prenderlo in giro ne storpiarono il nome. L’accento Texano causò una pronuncia che suonava come LYNYRD SKYNYRD

DOORS: Jim Morrison prese spunto da una poesia di William Blake che diceva “if the doors of perception were cleansed, everything would appear to man as it truly is, infinite” (se le porte della percezione fossero spalancate, ogni cosa apparirebbe all’uomo come realmente è: infinita). Venne anche influenzato da un libro di Aldous Huxley sulle sue esperienze con la droga chiamato “The Doors of Perception” (le porte della percezione).

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
an057a.jpg
an057b.jpg
an058.jpg

an059.jpg

Neil Young e Stephen Stills si incontrarono per la prima volta nel 1965; Young suonava con i The Squires, Stills con The Company. Quando questi si sciolsero Stills dopo una fallita audizione per entrare a far parte dei The Monkees si trasferì sulla West Coast. Successivamente Young conobbe Bruce Palmer, un bassista canadese che gli propose di far parte dei Mynah Birds. Ma non funzionò e i due allora andarono e a Los Angeles dove speravano di incontrare Stills. Non ci riuscirono  fino a quando fu lo stesso Stills, che era in compagnia di Furay e Friedman, a notarli per strada. Facile, l’auto di Young era un carro funebre Buick del '48. Colpiti dalla casualità del destino i musicisti decisero di formare un gruppo prendendo il nome da un modello di trattore, costruito dalla Buffalo-Springfield Roller Company, parcheggiato nei pressi dell'abitazione di Friedman (dove alloggiavano anche Stills e Furay),


Eagles: originariamente gruppo di supporto di Linda Ronstadt (per la quale scriveva le canzoni Jackson Browne) chiamati “Teen King and the Emergencies” Cambiarono il nome della band in Eagles  (“aquile”) perchè amavano il suono della parola e perché in questo modo sarebbero stati affini alla band The Byrds (da birds ovvero “uccelli”) che ebbe una grande influenza su di loro


Nella seconda metà degli anni sessanta furono un importante gruppo di British Blues. Si formarono quando il  batterista Mick Fleetwood, il bassista John McVie e il chitarrista Peter Green  lasciarono  i Bluesbreakers di John Mayall e si unirono al chitarrista Jeremy Spencer.
Il nome Fleetwood Mac venne ideato da Peter Green, fondendo i cognomi del batterista Mick
e del bassista John. .
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
1234567890123456
1234567890123456 1
1234567890123456 1234567890123456 1
1234567890123456 1234567890123456 1
1234567890123456 1234567890123456